Libro Dalla quercia alla botte – Stato dell’arte

29,00

Sintesi sul legno da quercia, dalla silvicoltura all’utilizzo delle botti, grande e piccole, in cantina.
Panoramica approfondita delle varie specie: europee, americane e asiatiche.
Concetti elementari di biologia, ecologia, fisiologia, patologia e tassonomia.
Studio del legno da merrain, fabbricazione delle botti e corretto uso.

UGS : 8888792015 Catégorie :

con il supporto di:

Dalla Quercia alla Botte


Dalla Quercia alla Botte: lo stato dell’Arte

Opera di Nicolas Vivas - 206 pagine
Traduzione: Anne Meglioli - ISBN 8888792015 - EAN 9788888792019

 

per chi è scritto "dalla quercia alla botte"?

Questa pubblicazione è destinata a coloro che vogliono capire meglio le complesse relazioni esistenti tra il vino e il legno: produttori di vino, tecnici, enologi, operatori del comparto vitivinicolo, negozianti di vino ma anche bottai, selvicoltori.
E come sempre i docenti, ricercatori o studenti in enologia e gli assaggiatori di vino curiosi.

 

un manuale per approfondire le conoscenze biologiche, botaniche e tecnologiche che riguardano l'utilizzo del legno in enologia e le sue interazioni con il vino

 

aiuta a rispondere a quali domande?

  • Quale è lo stato delle conoscenze sul legno per botti e il suo utilizzo
  • breve storia dell'industria delle botti: i Celti, gli scambi commerciali, evoluzione delle foreste
  • cenni sull'elaborazione dei vini rossi destinati all'affinamento in botte
  • quali sono le cessioni dei legni al vino: aspetto, gusto, colore
  • il caso particolare dei distillati
  • la botte è un recipiente poroso?
  • le botti grandi per la vinificazione e la conservazione dei vini
  • quali sono gli elementi di biologia e di ecologia della quercia?
  • quali le differenze tra le querce in funzione della loro provenienza?
  • i dettagli che contano: grana, porosità e proprietà meccaniche
  • quale è la composizione del durame e quali sono le conseguenze?
  • classificazione e interesse tecnologico delle varie specie?
  • Quali sono le principali regioni di produzione
  • quali sono la gestione e politica forestali?
  • il legno è una materia prima pregiata: dendrometria, il mercato dei merrains
  • come si seleziona e si prepara il legno destinato alla fabbricazione delle botti?
  • classificazione dei legni in funzione della loro origine e del loro tipo
  • analisi dettagliata della quercia bianca d'America (Quercus alba)
  • le doghe: preparazione e montaggio
  • quali sono le tipologie di riscaldamento del legno?
  • quali le conseguenze del riscaldamento: curvatura e tostatura
  • come vengono assemblati doghe e cerchi?
  • quali sono le operazioni di finitura e di controllo delle botti?
  • botti nuove: preparazione, controllo e buon uso
  • botti usate: evoluzione delle cessioni, ricondizionamento e regole fondamentali.

 

qui per scaricare il  Sommario Dalla Quercia alla Botte – Stato dell’Arte

 

Prefazione all'edizione italiana a cura del Prof. Vincenzo Gerbi docente di Enologia, Università degli Studi di Torino

La disponibilità di una edizione italiana di questo manuale “Dalla quercia alla botte. Stato dell’arte” costituisce una interessante novità editoriale di cui essere grati all’editrice e la traduttrice, che ha affrontato un compito non facile, considerata la particolarità del lessico di questo settore tecnologico. Il francese è una lingua importante per l’enologia, ma in Italia sempre meno giovani la conoscono e saranno proprio loro, siano essi operatori, studenti o semplici cultori dell’enologia, ad apprezzare maggiormente questa opera sintetica, ma abbondantemente documentata.

L’indiscusso valore scientifico dell’Autore rende prezioso questo manuale che, perseguendo chiaramente un obiettivo divulgativo, riesce a rendere accessibili conoscenze scientifiche complesse, grazie ad una impostazione espositiva ben organizzata ed ad una sintesi dei concetti che non manca però di fornire le spiegazioni indispensabili.

L’enologia italiana negli ultimi venti anni ha adottato largamente l’affinamento dei vini, soprattutto rossi di grande struttura, in fusti piccoli di legno di rovere nuovo, anche se l’affinamento in botti grandi di legno vecchio è quantitativamente ancora preponderante.

Il ruolo stabilizzante e migliorativo del legno nei confronti dei vini di maggior struttura è oggi riconosciuto in Italia, anche se alcuni esempi di uso esagerato del legno nuovo, hanno alimentato giustificate polemiche sul possibile snaturamento dei loro caratteri di tipicità.

In realtà è anche grazie all’apporto tecnologico del prezioso rovere, impiegato alla luce delle più recenti conoscenze, che alcuni dei migliori vini italiani hanno potuto esprimere al meglio le loro caratteristiche varietali ed ambientali, prima parzialmente inespresse. Oggi la maggior parte degli enologi è concorde nel riconoscere che un uso ragionato delle barriques può portare a vini più importanti, senza che l’impronta olfattiva del legno diventi un componente pervasivo dell’aroma.

Ad ottenere questo risultato ha contribuito anche l’evoluzione tecnologica nella produzione dei fusti in legno, sempre più raffinata e personalizzata.

La sintesi contenuta in questo manuale delle conoscenze biologiche, botaniche e tecnologiche che riguardano il rovere per i fusti e le sue interazioni con il vino, contribuiscono a comprendere le ragioni dei progressi realizzati.

 

Sinossi del libro

Quest’opera è una sintesi che parte dalla silvicoltura sino all’utilizzo del fusto in cantina. Inizia con i concetti elementari di biologia della quercia, della sua ecologia, fisiologia, patologia e tassonomia. Illustra nei particolari il legname da merrain e la fabbricazione delle barriques, per fornire i consigli fondamentali per il corretto utilizzo e l’adeguata manutenzione delle botti nuove ed usate. Questo manuale risponde alle domande degli utilizzatori di fustame e degli appassionati di vino.

Ampio spazio è dedicato al riconoscimento delle specie, alla loro origine geografica e alle loro influenze sulla qualità del prodotto finale. Al lettore viene offerta una panoramica approfondita delle specie di Quercus esistenti, dai massicci forestali europei a quelli nordamericani o asiatici, che rivestiranno in futuro un notevole interesse per il mondo vinicolo.

A proposito dell'Autore

Nicolas Vivas, enologo, dottore in scienze, dirige il dipartimento Ricerche & Sviluppo di un importante produttore francese di fustame, oltre ad essere consulente presso numerose cantine.

Informations complémentaires

Poids 0.44 kg
Dimensions 24 × 17 × 2 cm

Avis

Il n’y a pas encore d’avis.

Seuls les clients connectés ayant acheté ce produit ont la possibilité de laisser un avis.